Salta al contenuto

Minori e Responsabilità Familiari

Cosa fa

Presa in carico di tutte le situazioni di disagio e grave pregiudizio di minori in famiglie problematiche e multiproblematiche (situazioni di disagio educativo, psicologico, maltrattamento psico-fisico, trascuratezza, abuso sessuale) che prevedono i seguenti interventi:

1) accoglienza e analisi su prime segnalazioni, valutazione psico-sociale del disagio del minore e della famiglia, elaborazione ed attivazione dei progetti riabilitativi delle funzioni genitoriali, gestione delle collocazioni extra-famigliari per le situazioni in cui sia previsto un collocamento fuori dalla famiglia, reperimento di risorse comunitarie e famigliari per casi specifici e complessi, gestione di emergenze sociali;

2) rapporti e collaborazione con la magistratura minorile ed ordinaria per tutte le situazioni in cui il minore è vittima di grave pregiudizio, di reati o per minori che compiono reati; incontri coi giudici, stesura di relazioni per i Tribunali , attività di coordinamento di interventi per i casi più complessi in cui vi siano procedimenti civili, penali o entrambi ; affiancamento e sostegno al minore e ai famigliari nelle varie fasi dei procedimenti giudiziari in atto; coordinamento delle attività di tutela giuridica dei minori con gli avvocati che rappresentano e difendono i minori nei procedimenti giudiziari. Per i casi di abuso sessuale è stata costituita un'equipe specialistica referente con formazione specifica e attività di coordinamento sovra distrettuale;

3) sostegno psico- sociale ed educativo a nuclei famigliari e minori anche in assenza di provvedimenti delle autorità giudiziarie;

4) interventi socio- economici ed educativi in nuclei famigliari con situazioni di conclamato pregiudizio

5) collaborazione con i servizi sociali dei Comuni per la gestione di casi problematici e per l'attivazione di interventi di sostegno alle famiglie con minori;

6) coordinamento periodico sui casi e sulle modalità di intervento tra le assistenti sociali dei Comuni e gli operatori sociali del Servizio Minori

7) Interventi di rete e collaborazione e consulenze con tutti i Servizi che si occupano di minori (altri servizi Ausl, scuola, volontariato, .) ; attivazione di protocolli d'intervento sui casi e sulle modalità di lavoro nel rispetto delle proprie competenze.

8) Gestione di casi di separazioni conflittuali con minori contesi con provvedimenti dell'autorità giudiziaria.

9) Attività di reperimento di risorse famigliari disponibili ad accogliere minori in affido e costituzione di un gruppo interno di operatori come referenti per le problematiche relative all'affidamento famigliare ( banca dati, nuove risorse, attività formative e di consulenza e istruttorie a coppie aspiranti all'affido , coordinamento con altri servizi pubblici e privati sul territorio e fuori territorio )

10) Attività relative all'adozione nazionale ed internazionale ; costituzione di un gruppo referente per tutte le problematiche delle coppie aspiranti all'adozione ( corsi informativi, istruttorie per le coppie, interventi post- adozione , sostegno alle coppie in tutto il percorso, attivazione di gruppi adottivi , coordinamento e formazione con altri servizi in rete - provincia-regione-distretti )

11) Attività relative all'Art. 18 del D.lgs.286/98 sul contrasto alla prostituzione e allo sfruttamento sessuale di minori ( progetti di assistenza e protezione sociale anche relativi a minori stranieri non accompagnati )

12) Attività di supervisione del gruppo di operatori sulla casistica complessa con consulente esterno. Partecipazione ad attività di formazione su specifiche tematiche (abuso e maltrattamento, affidamento famigliare, adozione, separazioni conflittuali, ecc).

13) Attività di formazione congiunta tra Servizio Tutela Minori e Servizi Sociali Territoriali sulle tematiche della presa in carico di nuclei familiari con situazione di pregiudizio; tale attività è stata condotta dalla dott.ssa Francesca Merlini, attraverso 4 incontri annuali con la totale partecipazione degli operatori coinvolti.

14) Attività trasferite all'Unione delle funzioni relative al Servizio Responsabilità Famigliari ;Azioni di coordinamento delle competenze relative al sostegno alle Famiglie; attività ad integrazione degli sportelli sociali comunali per informazioni di servizi utili alle famiglie (servizi sociali, sanitari, scolastici, filtro sui servizi specialistici, ecc..). Area dell'informazione, Area del sostegno alle competenze genitoriali, Area dello sviluppo delle risorse famigliari e comunitaria.

15) Attività di coordinamento e di unificazione di tutti gli interventi rivolti agli adolescenti e giovani sul territorio distrettuale, attivati da varie agenzie ( A.S.L., comuni, Unione con i servizi free-entry, educativa di strada , educatore di territorio per coordinamento dei centri di Aggregazione Giovanile). Monitoraggio delle attività rivolte ai giovani ed adolescenti del territorio attraverso tavoli tecnici misti.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30-10-2021 19:10

Questa pagina ti è stata utile?