Salta al contenuto

Bando per l'erogazione di contributi a persone disabili per la mobilità casa-lavoro - SCADENZA PROROGATA alle 23:59 del 20/08/2022 (Det. n. 373/2022)

avviso pubblico per l’assegnazione di contributi a sostegno della mobilita’ casa-lavoro per lavoratori con disabilita’

Bando per l'erogazione di contributi a persone disabili per la  mobilità casa-lavoro

L’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord (UCMAN) in qualità di Ente capofila del Distretto di Mirandola, in attuazione della Deliberazione G.R. n. 1306 del 02/08/2021 ed in applicazione della determinazione del Responsabile del Servizio Sostegno alla non autosufficienza n. 173 del 05/04/2022 rende noto che al fine di concorrere ad assicurare il diritto al lavoro ed all’integrazione lavorativa delle persone con disabilità attraverso la rimozione/riduzione degli ostacoli e delle difficoltà negli spostamenti casa-sede di lavoro, intende procedere all’assegnazione di contributi economici in favore di persone con disabilità inserite al lavoro e con difficoltà negli spostamenti casa-lavoro, in misura forfettaria rispetto alle spese sostenute negli spostamenti;

A chi si rivolge

Possono presentare domanda le persone disabili, assunte ai sensi della Legge n. 68/1999, e persone con disabilità acquisita in costanza di rapporto di lavoro, occupate nell’anno 2021 con contratto a tempo determinato o indeterminato, che abbiano avuto necessità di un servizio di trasporto personalizzato per gli spostamenti casa-lavoro in quanto non garantita la raggiungibilità con mezzi pubblici adeguati e/o compatibili con gli orari di lavoro.

Sono assimilati ai lavoratori dipendenti i soci lavoratori nell’ambito di cooperative, a parità di caratteristiche della prestazione.

I richiedenti devono essere residenti in uno dei nove comuni dell’Unione comuni modenesi area nord.

Il presente avviso viene emesso nel rispetto del principio della pari opportunità tra uomini e donne ai sensi della Legge n. 125/91.

Accedere al servizio

Come si fa

Le richieste di contributo potranno essere redatte esclusivamente compilando la domanda online

Cosa si ottiene

Il contributo massimo annuo pro capite è pari ad euro 3.000,00, nei limiti delle risorse assegnate.

L’entità riconosciuta non potrà comunque essere superiore alle spese effettivamente sostenute e documentate.

Nel caso di trasporto effettuato con il supporto di coniuge/parenti/affini verranno riconosciuti € 0,70/km per il numero dei km del tragitto tra abitazione della persona disabile e sede di lavoro, per il numero delle giornate effettivamente lavorate in presenza (no smart working).

Nel caso in cui il coniuge/parente/affine supporti la persona disabile anche per il ritorno dal lavoro, il numero dei km sarà raddoppiato.

Nel caso di trasporto effettuato con il supporto di un collega di lavoro, verranno riconosciuti € 0,50/km per il numero dei km del tragitto tra l’abitazione della persona disabile e la sede di lavoro, per il numero giornate effettivamente lavorate in presenza (no smart working).

Nel caso in cui il collega supporti la persona disabile anche per il ritorno dal lavoro, il numero dei km sarà raddoppiato.

Il tragitto casa lavoro sarà calcolato, per la via più breve, tramite i siti maggiormente noti di viabilità online.

Si specifica che non sarà riconosciuto ad alcuno il rimborso per km effettuati “a vuoto” (tragitto percorso dall’accompagnatore senza la persona disabile trasportata) e non sarà riconosciuto alcun contributo per giorni di lavoro prestati in regime di smart working.

L'assegnazione dei contributi avverrà nei limiti della disponibilità economica oggetto del presente bando (Euro 26.105,53).

Le risorse assegnate sono destinate in via prioritaria alle richieste di chi organizza in maniera autonoma il trasporto casa/lavoro e in subordine alle richieste dei lavoratori disabili che utilizzano il trasporto sociale individualizzato in quanto già usufruiscono di tariffe agevolate.

Nel caso in cui, per questa tipologia, le domande ammissibili superino la somma disponibile il contributo verrà calcolato in proporzione alle spese sostenute.

L’erogazione del contributo può avvenire direttamente al beneficiario oppure, su sua espressa indicazione, ai soggetti (parenti o affini fino al terzo grado, anche se non conviventi o a colleghi di lavoro) che supportano la persona disabile negli spostamenti casa-lavoro.

I richiedenti dovranno dichiarare nell’istanza di non aver ricevuto altri finanziamenti o benefici a copertura delle spese di trasporto casa-lavoro, riferiti allo stesso periodo ed alle medesime voci di spesa.

Canale digitale

Cosa serve

Per la compilazione della domanda è necessaria l’autenticazione del richiedente tramite SPID.

Alla domanda di contributo dovrà inoltre essere allegata la documentazione sotto elencata:

  1. Attestazione di frequenza al lavoro (Modello A – da compilare e firmare a cura del datore di lavoro su carta intestata – allegare scansione formato pdf)
  2. Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (Modello B – (da compilare e firmare a cura dell’accompagnatore che ha supportato la persona disabile nei trasporti - allegare al form un unico file in formato pdf completo di documento di identità)
  3. Ricevute di pagamento attestanti spese di trasporto sociale individualizzato o taxi/noleggio con conducente. (allegare un unico file in formato pdf comprendente tutte le ricevute)

Costi e vincoli

Vincoli

Sono ammesse a contributo le spese sostenute e documentate nel corso dell’anno 2021 per il trasporto personalizzato di lavoratori/lavoratrici con disabilità che sono impossibilitati a spostarsi dal luogo di domicilio al luogo di lavoro e viceversa, mediante l’utilizzo dei normali mezzi pubblici di linea (treno, bus).

Le spese ammissibili possono riguardare l’utilizzo di:

a) utilizzo di mezzo di trasporto privato organizzato in maniera autonoma (con rimborso a coniuge/parenti/affini della persona disabile fino al terzo grado etc.) fatta salva la possibilità di valutare casi specifici da parte del servizio cui compete l’istruttoria

b) utilizzo di mezzo di trasporto privato organizzato in maniera autonoma, anche attraverso colleghi di lavoro

c) servizi di trasporto sociale individualizzato (gestito da: ASP, Associazioni di volontariato, Cooperative

sociali ecc.) oppure servizio taxi o servizio con conducente regolarmente retribuito ai sensi di legge);

Non sono ammesse a contributo le spese sostenute per l’utilizzo del regolare trasporto pubblico di linea (treno, bus).

Tempi e scadenze

Le richieste di contributo dovranno pervenire, pena l’esclusione, entro e non oltre le ore 23.59 del 20/08/2022.

Allegati

Modulistica

Ulteriori informazioni

Per ogni ulteriore informazione e per eventuale supporto alla compilazione della domanda è possibile contattare:

  1. l’Ufficio Amministrativo del Servizio Sostegno alla non autosufficienza, referente: Maria Bonazzi - n. tel. 053529780 Email: maria.bonazzi@unioneareanord.mo.it
  2. lo sportello sociale territoriale del Comune di residenza.


Il Responsabile del procedimento è la Dr.ssa Maria Teresa Mazzoli, Responsabile del Servizio sostegno alla non autosufficienza.

Ultimo aggiornamento

30-08-2022 17:08

Questa pagina ti è stata utile?