Cartesio La Raganella" un nuovo insegnamento: a scuola basta merendine confezionate (fanno male alla salute) e basta imballaggi in plastica (fanno male all'ambiente).

Quando suona la campanella della ricreazione, ciò che si osserva a scuola è lo specchio di errate abitudini alimentari: cibo spazzatura, che entra nel delicato corpo dei bambini e montagne di spazzatura che riempiono i cestini dei rifiuti.

Per fortuna a mettere ordine ci pensa Cartesio! Ad ogni alunno, grazie al contributo di Aimag, è stato regalato un portamerenda con l'invito a portare scuola non più merende confezionate bensì cibi freschi e non confezionati: qualche scaglia di Parmigiano Reggiano, una fetta di torta della nonna, pane e marmellata, mele, arance, frutta secca e tanto altro ancora.

Terminata la merenda, non si ha nessun rifiuto da buttare.

Così son tutti contenti: i bambini, che hanno mangiato un cibo più sano e l'ambiente, che avrà meno rifiuti in eredità.

Coraggio genitori: basta merendine a scuola, diventate i protagonisti di un grande cambiamento. Sono infatti più di duemila le famiglie chiamate a riflettere sulla merenda fornita ogni mattina ai propri figli. I bimbi e le insegnanti hanno manifestato grande entusiasmo e sono pronti per invertire la rotta del cibo spazzatura. Con l'aiuto dei genitori sarà un viaggio stupendo!

Il progetto "A Scuola con Cartesio" è finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola.

Questa pagina ti è stata utile?