Il CEAS “La Raganella” ha aderito nel 2017 al progetto “Come cavolo mangi?", un progetto regionale di educazione alimentare e agro-ambientale, costruito dal CEAS di Cesena con il coinvolgimento di altri 14 CEAS regionali, dell’Università di Bologna - Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari e la collaborazione della Società Cooperativa "Alimos - Alimenta la Salute" di Cesena.

ll progetto "Come cavolo mangi?" ha come tema principale il raggiungimento della conoscenza del cibo attraverso esperienze dirette, per apprezzarlo e prevenirne lo spreco: imparare da dove viene, come nasce, come si ricava, le modalità di preparazione, le difficoltà e fatiche, ma anche la soddisfazione di ottenere un prodotto unico e di alta qualità.

Si tratta di un progetto pilota di educazione agro-ambientale e alimentare complesso, che coinvolge direttamente e parallelamente diversi settori secondo 3 linee di lavoro:

1.  Scuole, Famiglie e Fattorie didattiche
2.  Lo spreco alimentare nei comportamenti dei ragazzi a scuola e a casa
3.  Ristoranti, agricoltori e cittadini

 Il CEAS “La Raganella” ha aderito alle linee 1 e 3 ponendosi tre grandi obbiettivi:

  • sensibilizzare alla sana alimentazione e alla sana merenda gli alunni e le famiglie, attraverso laboratori e visite guidate nelle Fattorie Didattiche dell'Area Nord;
  • favorire l’utilizzo dei prodotti a Km 0 nei ristoranti/strutture/agriturismi del territorio organizzando un incontro specifico tra ristoratori e aziende agricole in collaborazione con la Società Cooperativa "Alimos - Alimenta la Salute" di Cesena per promuovere il contatto tra le due parti;
  • ridurre lo spreco alimentare nei ristoranti e nelle mense, incentivando, attraverso la campagna di comunicazione "Qui zero spreco", la riconsegna ai clienti degli avanzi di cibo per il loro riutilizzo a casa per le persone o per gli animalidoggy bag o family bag.

All'interno di questo vasto progetto regionale ancora in corso, il CEAS "La Raganella" si impegna quindi a creare una rete di relazioni tra Scuole, Famiglie, Fattorie Didattiche, Ristoratori e Produttori del territorio per promuovere la sana alimentazione e i prodotti a km 0, ridurre lo spreco di cibo e i suoi costi di produzione, con la finalità ultima di promuovere sempre maggiore sostenibilità, favorendo i contatti tra questi diversi settori e fornendo loro materiali, spazi di visibilità, idee che li incoraggino a questo scopo.

Questa pagina ti è stata utile?