trasparente

Azione 1 - Scuole, Famiglie e Fattorie Didattiche

Sana merenda, laboratori didattici e visite guidate
Azione 1 - Scuole, Famiglie e Fattorie Didattiche

in Fattoria

Due classi (1° B e 5°B) della Scuola Primaria di San Prospero (MO) sono state premiate per il loro impegno dimostrato in occasione della campagna regionale “Siamo nati per camminare 2018”, regalando loro una giornata in fattoria didattica presso l’Azienda Agricola “Casumaro Maurizio”.

Obiettivi del progetto regionale

Trascorrere una mattinata in una fattoria didattica accreditata della Regione Emilia-Romagna per offrire a bambini e insegnanti la possibilità di conoscere l’agricoltura, il territorio, i gusti, le tradizioni, i mestieri, il ritmo della natura e per acquisire concetti di responsabilità nei confronti degli altri esseri viventi. In fattoria si apprende con i sensi, osservando, toccando, annusando, gustando e ascoltando: si impara facendo.

Dal campo alla tavola. L’incontro con l’agricoltore ha lo scopo di conoscere l’azienda presso la quale lavora, come è condotta, chi sono gli altri lavoratori, quali sono i prodotti e come vengono trasformati, quali sono gli animali della fattoria.

L’agricoltura biologica: i vantaggi per l’uomo e l’ambiente. In questa fase gli ospiti della fattoria percepiscono e possono toccare con mano una vera realtà agricola. L’agricoltore, proprio per il suo ruolo, riesce a trasmettere le emozioni, a veicolare le difficoltà del lavoro nel mondo rurale, la competenza e la professionalità che richiede, ma anche le grandi soddisfazioni.

La visita all’Azienda Agricola “Casumaro Maurizio”

Sana merenda, laboratori didattici e visite guidateL’Azienda Agricola “Casumaro Maurizio” è anche fattoria didattica: propone percorsi didattici che si affiancano alle attività di allevamento, produzione e vendita di formaggi e prodotti caseari, provenienti da agricoltura biologica. 

Che cosa vuol dire biologico? chiede Silvia, operatrice dell’Azienda.

Vuol dire qualcosa che è buono da mangiare! risponde un attento alunno di prima elementare.

Visitare l’Azienda significa anche imparare la storia del territorio in cui viviamo e dell’antico bosco della Saliceta, di cui oggi rimangono tanti ricordi; significa imparare a conoscere diversi animali della fattoria e i loro comportamenti: il giovane vitellino Bruno, il rumoroso Ciuchino e le affascinanti bufale; significa conoscere i diversi ruoli che le persone ricoprono all’interno dell’Azienda, grazie alla guida esperta di Silvia ed Elisa, vestite di latte, come osserva Viola.

    

La merenda in fattoria

Quando arriva il momento della merenda, gli alunni e le insegnanti vengono invitati ad assaggiare uno spuntino gustoso e sano: gelato preparato davanti ai loro occhi con latte dell’Azienda e zucchero. Qualcuno ha anche la possibilità di assaggiare gli yogurt e le mozzarelle.

Prima di assaggiare la merenda vengono lette le “8 regole per una sana merenda”.

  1. Un’alimentazione equilibrata prevede 5 pasti al giorno, quindi 2 spuntini giornalieri, a metà mattina e a metà pomeriggio, costituiscono una buona abitudine alimentare;
  2. La merenda è un piccolo pasto, deve fornire il 5-10% dell’energia giornaliera;
  3. La merenda non deve far arrivare sazi al pasto successivo, ma neppure troppo affamati;
  4. La merenda deve essere varia, in modo da variare i nutrienti che fornisce;
  5. La merenda deve essere costituita da cibi di facile digestione;
  6. La merenda non deve fornire troppi grassi saturi, zuccheri semplici e sale;
  7. È opportuno che gli alimenti della merenda provengano principalmente da agricoltura biologica;
  8. La merenda deve essere un unico momento della mattina o del pomeriggio. Vietato mangiucchiare in continuazione, magari durante lo studio o davanti alla televisione.

 I bimbi osservano che la merenda deve essere anche buona!

Dopo aver assaggiato la merenda ogni alunno delle classi in visita ha compilato la “Scheda della merenda: promossa o bocciata”: la merenda offerta dall’Azienda Agricola è stata valutata per aspetto, odore e sapore e, infine, promossa, rimandata o bocciata. La maggior parte degli alunni è entusiasta e promuove la merenda; non tutti, però, sono abituati a mangiare il gelato a metà mattina: qualcuno la rimanda; chi invece è intollerante al lattosio si vede costretto a bocciarla (Tabella 1).

Occorre osservare allora cosa avevano portato da casa come merenda del giorno (Tabella 2) e ci chiediamo cosa sia meglio scegliere per fare uno spuntino sano a scuola. Apriamo i porta-merenda e troviamo qualche merenda “di serie A” (PROMOSSA), qualche merenda a cui stare attenti nelle quantità (RIMANDATA) e qualche merenda “di serie B” (BOCCIATA).

Tabella 1. Pareri degli alunni sulla merenda offerta dall’azienda agricola

 

PROMOSSA,

e verrà sicuramente ripetuta a casa

RIMANDATA,

e forse verrà ripetuta anche a casa

BOCCIATA,

e non verrà ripetuta anche a casa

CLASSE 5° B

21

3

0

CLASSE 1° B

16

5

1

Si allega al resoconto la scansione di alcune schede rappresentative compilate dagli alunni (allegato 1).

Tabella 2. Report “Cosa cavolo mangi?”. Le merende degli alunni delle classi 5°B e 1°B.

CLASSE 5° B

CLASSE 1° B

Crostini dorati confezionati: BOCCIATA

Crostini dorati confezionati: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Snack al formaggio confezionato: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Fonzies: BOCCIATA

Merendina confezionata: BOCCIATA

Succo di frutta e Kinder Pinguì: BOCCIATA

Snack al formaggio confezionato: BOCCIATA

Cracker: RIMANDATA

Snack al formaggio confezionato: BOCCIATA

Gnocco: RIMANDATA

Croccantelle e Ringo: BOCCIATA

Toast: PROMOSSA

Crostini dorati confezionati, snack al formaggio confezionato e taralli: BOCCIATA

Toast: PROMOSSA

Crostatina, biscotto e caramella gommosa: BOCCIATA

Uva: PROMOSSA

Oreo: BOCCIATA

Mela e cracker: PROMOSSA

Crostatina confezionata e wafer: BOCCIATA

Banana: PROMOSSA

Pizza: RIMANDATA

Banana: PROMOSSA

Pizza con wurstel: RIMANDATA

Banana: PROMOSSA

Panino con cioccolato e yogurt da bere: RIMANDATA

Avocado: PROMOSSA

Latte al cioccolato e biscotti al cioccolato: RIMANDATA

Banana e melograno: PROMOSSA

Panino con cioccolato: RIMANDATA

Mandarino: PROMOSSA

Tigella fatta dalla nonna: PROMOSSA

Biscotti fatti in casa: PROMOSSA

Toast: PROMOSSA

Panino: PROMOSSA

Fetta di ciambella alla marmellata: PROMOSSA

Banana: PROMOSSA

La mattinata si conclude laddove comincia il lavoro dell’Azienda: facendo visita alle mucche e alle bufale e guardando Silvia ed Elisa dar loro da mangiare.

   

Conclusioni

Anche grazie a questo progetto si è constatato la necessità per i bambini di stare all’aperto e di riavvicinarsi alla vita contadina e ai suoi cicli, strettamente legati alla natura.

È importante che i bambini possano imparare a riconoscere i processi produttivi da cui deriva il cibo che ogni giorno troviamo sulle nostre tavole, allontanandosi dall’idea che ogni prodotto “arrivi dal supermercato”.

Si è anche constatato come gli animali della fattoria siano spesso lontani dal vissuto dei bambini, abituati piuttosto alla presenza degli animali domestici: poter osservare mucche e vitellini in un ambiente non lontano da casa costituisce un notevole arricchimento per le loro esperienze.

La visita alla fattoria consente inoltre un avvicinamento agli antichi mestieri di cui oggi i bambini hanno scarsa conoscenza e da cui si tende a distaccarsi sempre più.

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

  

Zanzare cosa fare

Campagna zanzare

Itinerari ciclabili

percorsi

Barchessone vecchio

Comunicati

Servizio civile regionale

yougERcard

Unione