Programma del Barchessone Vecchio 2019

Si riparte

Il programma delle iniziative

Dopo la grande inaugurazione del 31 marzo 2019, continua la nuova stagione di apertura del Barchessone Vecchio che ha visto e vedrà tanti interessanti appuntamenti organizzati nell'ambito della 16° edizione di "Percorsi d'arte tra ambiente e tradizione". Le iniziative per piccoli e grandi sono state programmate nelle domeniche tra fine marzo e fine giugno, per poi concludersi nei mesi di settembre ottobre 2019.

Si è pensato di organizzare diverse tipologie di appuntamenti: dalle mostre allestite nella spaziosa sala polivalente del Barchessone, alla iniziative per le famiglie con uno spettacolo, per iniziare, in occasione della Pasqua 21 aprile, a dir poco scoppiettante “Clown in libertà”.Un momento di euforia, per tre buffi, simpatici e ‘talentuosi’ clown che sembravano colti da un’eccitazione infantile all’idea di avere una scena ed un pubblico a loro completa disposizione!!! C'è stato tanto da ridere!!!

Si è proseguito poi con appuntamenti per pensare, piccoli incontri di informazione e approfondimento per scoprire la cultura e la natura del nostro territorio e infine non potevano mancare gli appuntamenti musicali e, infatti, sono tornate le serate jazz al Barchessone, dove i presenti hanno potuto unire l'oscolto di piacevole musica con un rinfrescante aperitivo serale!!!

Il 1 settembre, dopo la pausa estiva, il Barchessone riaprirà con gli appuntamenti successivi di "Percorsi d'Arte tra ambiente e territorio".Aspettiamo quindi tutti, numerosi, per condividere nuovamente la bellezza e la tranquillità del Barchessone Vecchio e delle Valli mirandolesi.

Un ringraziamento particolare va a tutte le persone e le associazioni che con affetto e tanta partecipazione hanno collaborato e, stanno lavorando, per questa importante stagione di ripresa!


Per Info:

CEAS “La Raganella” 0535.29724-29713

cea.laraganella@unioneareanord.mo.it

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)