Viale dei Nidi

Viale dei Nidi

L’idea del progetto "Viale dei Nidi" nacque in un’assolata mattinata di fine giugno 2014 durante una riunione ristretta tra i tecnici della SOM “Il Pettazzurro”  e quelli del CEAS “La Raganella”. L’idea di mettere a dimora delle cassette nido per aumentare le possibilità di riproduzione per alcune specie di pregio piacque subito e così i tecnici della SOM allestirono il progetto che finalmente domenica ha visto il suo coronamento. Il progetto prevedeva la messa a dimora di 50 cassette nido sia su alberi che sui pali della luce in analogia come succede comunemente all’estero, le specie prescelte, si direbbe meglio bersaglio, sono: Ghiandaia marina, Grillaio,  Falco cuculo, tutte specie inserite nell’allegato I della cosiddetta Direttiva Uccelli ( 2009/147/CE) ed una specie emblematica l’Assiolo, unico rapace notturno della fauna europea migratore transahariano ed al quale Giovanni Pascoli dedicò una poesia: il Chiù. Tutte queste specie sono insettivore preferendo spiccatamente gli ortotteri: cavallette, mantidi, grilli.

Il progetto si è articolato in due anni, nel 2015 sono state messe a dimora 12 cassette su alberi, mentre nel 2016, grazie all’aiuto di ENEL Distribuzione e dei suoi tecnici, 38 nidi sui pali di servizio. Le aree prescelte ricadono nei comuni di Mirandola e Concordia s/S e precisamente: 15 sono stati collocati in via Montirone a Confine lungo il viale che porta alla SOM,  6 in via Storta tra Mortizzuolo e via Guidalina, 12 in via Zanzur dopo il Barchessone Vecchio a San Martino Spino, e 10 in via Dugale Secondo  a Fossa in Val di Sole. E così i viali dei nidi sono diventati quattro.

L’utilizzo delle cassette nido è una pratica molto diffusa nei paesi nordici utilizzata quando si vuole incrementare la biodiversità degli uccelli nidificanti in parchi, giardini, ma anche in frutteti e piantagioni coetanee. Infatti tutte le specie che per riprodursi scelgono un anfratto della corteccia, o un foro del tronco sono insettivore e indirettamente contribuiscono a tenere basso il numero degli insetti. Il progetto intero ed il suo avanzamento come anche tutte le altre tipologie di nidi artificiali sono scaricabili dal sito www.cisniar.it, oppure per informazioni è possibile rivolgersi al CEAS “La Raganella” o ai tecnici della SOM in via Montirone.

Per leggere il Progetto clicca qui.

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)