In tanti all'inaugurazione del Barchessone Vecchio

Un bel momento per festeggiare una calda giornata di fine marzo che ha coronato l'inaugurazione attesissima del Barchessone Vecchio. Un pezzo fondamentale della nostra storia, cultura e natura.

Una Basilica nelle Valli che oggi ha ripreso vita mostrando come questo fantastico territorio possa offrire a tutti tanto. Visitare le valli e il Barchessone vuol dire prendersi tempo dalle frenetiche giornate quotidiane, significa assaporare panorami, colori e suoni della natura e farsi da loro allietare.

E così è stato domenica 31 marzo 2019: tantissime persone (più di 500) provenienti da tutta la regione hanno voluto esserci per festeggiare nella natura. E' stata una giornata stupenda che ha voluto mostrare tutto quello che il Barchessone e il territorio possono continuare ad offrire.

Tutto è stato reso possibile da tantissimi che hanno voluto esserci in questa giornata offrendo la loro collaborazione per rendere la giornata veramente speciale. Grazie quindi al Vescovo Francesco Cavina che con il Parroco Don Germain hanno voluto benedire la struttura con la messa celebrata insieme al Coro Città di Mirandola; è stato un momento speciale e commovente. Grazie alla Regione che ha sostenuto la ristrutturazione, alla Cooperativa Focherini proprietaria dell'edificio e dei terreni circostanti, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola sempre presente con il suo sostegno, alle Associazioni "Il Monocolo", A.S.D. Nordic Walking, S.O.M. Il Pettazzurro, Giardino Botanico "La Pica", Comitato Genitori San Martino Spino e nonno Vergnani che sono stati i protagonisti offrendo momenti importanti, al Consorzio della Bonifica Burana che ha impegnato le famiglie in una gara continua di colori e sfumature, all'Accademia dei fluttuanti che ha chiuso la giornata con un tributo a Jethro Tull, al ristorante La Griglieria di nuova gestione che con un ottima carne alla griglia ha deliziato più di 300 persone, alle insegnanti Tania Lugli e Barbara Gorni che con i loro alunni della Scuola Primaria e Secondaria di 1° di San Martino Spino hanno raccontato aneddoti, storie e tradizioni del nostro territorio, a Ludovico Brancolini e a suo zio che assieme agli assistenti civici hanno gestito il continuo movimento delle autovetture in arrivo, alla Corce Blu  di Mirandola e infine a tutti i dipendenti del Comune di Mirandola che hanno collaborato perchè tutto fosse pronto.

Grazie ai gentili colleghi del CEAS: Federica, Giorgio, Sonja, Aram e Luca che con entusiasmo hanno contribuito a costruire una giornata che ricorderemo per sempre.

E' stata veramente una bella giornata dove in un'atmosfera quasi ovattata abbiamo tutti riscoperto lo stare bene nelle Valli. Gli appuntamenti futuri sono tanti per cui approfittiamo delle prossime domeniche fino a fine giugno e poi a settembre/ottobre per passare un po' di tempo in tranquillità con la famigllia nelle nostre splendide valli.

Grazie a tutti.

Il CEAS "La Raganella"

Il Comune di Mirandola

Per vedere le foto gentilmente concesse da "Il Monocolo" e non solo ....:

http://www.unioneareanord.mo.it/servizi/centro-educazione-ambientale/la-raganella-sul-territorio/barchessone-vecchio/foto-dellinaugurazine-del-barchessone

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)