Anno 2019: sesta consegna dei tappi di sughero

La raccolta dei tappi di sughero, nell'Area nord, cresce ogni anno sempre di più. Siamo arrivati a raccoglierne dalle Scuole primarie e dai ristoranti 1060 kg e dalle Cantine Riunite di San Prospero 900 kg. In totale quindi sono partiti dal nostro territorio ben 1960 kg di turaccioli (contro gli 820 kg dello scorso anno). E' la sesta spedizione dal 2014, anno di inizio della raccolta dei tappi nel nostro territorio.  I protagonisti di questa raccolta restano sempre i bambini (e le loro famiglie) delle scuole di Mirandola e frazioni, Cavezzo, San Prospero, San Possidonio, Concordia e Medolla. Considerevole è anche la raccolta da parte di cittadini, aziende, cantine, associazioni di volontariato, bar e ristoranti. IMG_20190709_103214.jpgE' un bel progetto di economia circolare che aiuta l'ambiente ma anche i malati di leucemia. Tramite l'ass. Le. Viss di Verona, che fa da intermediaria tra "La Raganella" e le ditte di riciclo, dai vecchi turaccioli si ottengono nuovi materiali isolanti per l'edilizia mentre a Le.viss viene riconosciuto un contributo economico per finanziare progetti contro la leucemia. Abbiamo sempre il sogno di condividere questo bel progetto con altre scuole o altri comuni. D'altronde che senso ha continuare a destinare i tappi di sughero ad una discarica o ad un inceneritore quando la strada da percorrere potrebbe essere diversa e più etica?

In occasione della sesta consegna dei tappi la presidente di Le.viss. dott.ssa Graziella Bazzoni ha donato al CEAS "La Raganella" la mascotte della loro associazione (come da foto), un albero fatto con i tappi di sughero: un pensiero molto apprezzato che va a rafforzare sempre più una bellissima collaborazione dove ogni parte mette in campo sogni e speranze.

Per informazioni sul progetto è possibile contattare il Servizio CEAS "La Raganella"

tel. 0535 29724, 29713, 29787

e-mail: cea.laraganella@unioneareanord.mo.it

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)