Nuove aiuole nelle scuole

Grandi novità in arrivo per i giardini delle scuole che hanno aderito alla sperimentazione del percorso "A scuola in natura": sono arrivate nelle scuole 7 nuove aiuole di piante aromatiche donate dal CEAS "La Raganella"!

Salvia, timo, menta, camomilla e tante altre piante saranno nuove compagne di cui prendersi cura per rendere i giardini sempre più luoghi in cui apprendere e conservare la biodiversità.

Il progetto "A scuola in natura" ha, tra i suoi obiettivi, quello di valorizzare i giardini scolastici e già all'inizio dell'anno scolastico sono state portate nelle scuole delle mangiatoie, realizzate dalla Stazione Ornitologica Modenese "Il Pettazzurro". In queste settimane, per migliorare sempre più questi luoghi, il CEAS ha scelto di donare alle scuole anche delle aiuole di piante aromatiche di cui le classi si prenderanno cura!

Il percorso "A scuola in natura" ha lo scopo di promuovere l'educazione all'aria aperta nelle scuole primarie e dell'infanzia attraverso una formazione per le insegnanti, incontri rivolti a tecnici e amministratori, appuntamenti per le famiglie e sperimentazioni con le classi.

Sono 7 le scuole coinvolte nel progetto: 3 scuole dell'Infanzia ("Girasole" di Fossa di Concordia, "Golinelli" di Mirandola, "Rodari" di San Possidonio) e 4 Scuole Primarie ("Alighieri" di Mirandola, "Don Andreoli" di San Possidonio, "Baraldi" di San Prospero e "Gasparini" di Concordia). Accompagnate dalle educatrici ambientali del CEAS "La Raganella" e in autonomia, le classi coinvolte stanno svolgendo con cadenza regolare alcune lezioni all'aperto sfruttando tutte le opportunità che il contesto esterno alla scuola può offrire.

Non finisce qui perchè, nell'ambito dello stesso progetto del CEAS, il giardino sarà dotato di sedute realizzate con tronchi per momenti di gioco, lettura e confronto.

 




Logo La Raganella

Piazza Andreoli, 59 - 41039 San Possidonio

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)