Le classi vincitrici al Luosi

Si è concluso il concorso Eco-Scuola che il CEAS “La Raganella” ed Aimag hanno proposto all’interno degli Istituti G. Luosi e G. Galilei di Mirandola. Obiettivi del concorso? Raggiungere, per ogni classe, il massimo punteggio in merito a raccolta differenziata, ordine dei banchi e pulizia delle classi. Presso il Luosi, dopo cinque verifiche, effettuate grazie alla super visione dei peer educator, quattro sono state le classi vincitrici, sui tre indirizzi di scuola. Tra le dieci classi del Cattaneo in gara, hanno vinto parimerito le classi 4°G e 5°G con 39 punti su 50. Tra le diciotto classi del Pico ha vinto, con 47 punti su un totale di 50, la 3°B. Tra le venti classi del Luosi ha vinto invece la 2°B con 46 punti su 50. Complimenti ragazzi!

barche-di-carta.jpgIl CEAS “La Raganella” ed Aimag offriranno alle classi vincitrici una gita, a scelta, di istruzione. Le classi potranno visitare la mostra internazionale “Planet or plastic”.  Genus Bononiae,  Musei nella Città e la Fondazione Carisbo insieme a National Geographic, presentano infatti presso il complesso museale di Santa Maria della Vita, la mostra Planet or Plastic?, nell’ambito dell’omonima campagna internazionale lanciata da National Geographic, che vede anche Marco Mengoni impegnato come ambasciatore per l’Italia.

L’altra possibilità sarà di visitare l’azienda SABAR, un impianto di recupero e smaltimento della Bassa Reggiana, con sede in Via Levata, 64  (RE).

Ci complimentiamo con le quattro classi vincitrici (e molte altre che hanno comunque ottenuti punteggi molto alti) ma anche con tutti i peer educator che hanno valutato, nel corso dell’AS 2018/2019, ben quarantotto classi con serietà e puntualità. Si è sicuramente trattato di una bella esperienza che si potrà ripetere anche in futuro per tenere sempre alta l’attenzione sulla tematica sei rifiuti.

Logo La Raganella

Piazza Andreoli, 59 - 41039 San Possidonio

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)