Anche gli studenti del Galilei si attivano per promuovere la raccolta dei tappi di sughero

IMG_20180604_110231.jpg

Sono gli studenti della classe 2°F del Galilei di Mirandola ad aver realizzato nuovi contenitori in cartone per la raccolta dei tappi di sughero, progettati con la supervisione di Francesca Pederzoli, docente di tecniche di rappresentazione grafica. C’è stato un grande lavoro da fare: prima lo studio del modellino su carta in scala ridotta e poi lo sviluppo e l'inviluppo del contenitore a dimensioni reali. I cartoni sono stati gentilmente forniti dall'azienda International Paper Italia stabilimento di San Felice sul Panaro.   Senza l’impiego di colla e scotch, ma solo grazie ad abili e resistenti incastri con opportune alette, gli studenti hanno portato a termine la loro missione, con grande soddisfazione dei risultati ottenuti. I nuovi contenitori, dal design originale e fantasioso piacciono a tutti. Obiettivo centrato.

“Abbiamo avuto il piacere di scoprire che siamo stati in grado di partire da una idea per arrivare ad un prodotto finito, un oggetto ben riuscito e utile per qualcun altro” commentano gli stessi studenti raccontando anche l’apprezzamento per essere riusciti a lavorare bene in gruppo, rispettando le idee e le abilità degli altri.  “Una scuola così ci piacerebbe ancora di più” hanno continuato a commentare i ragazzi “dove oltre alla teoria, si fa anche qualcosa di concreto e utile”. " E' stato bello vedere il disegno su carta trasformarsi in realtà, abbiamo visto le nostre idee prendere forma".

Sarà cura del CEAS “La Raganella” collocare i nuovi contenitori nei comuni dell’Area Nord. Procede molto bene infatti, la raccolta dei tappi di sughero, avviata nel 2013 e tutt’ora operativa presso le scuole primarie, municipi, aziende, bar e ristoranti dell'Area Nord, che credono sia importante dare una mano all’ambiente.

Logo La Raganella

Piazza Andreoli, 59 - 41039 San Possidonio

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)