In arrivo un protocollo d'intesa sull'educazione al rischio sismico a scuola

IMG_20180130_102656.jpgLo scorso 30 Gennaio 2018 si è tenuto un incontro presso l'I.S.S. Aldini Valeriani Sirani di Bologna per condividere il percorso verso un protocollo d’intesa sull'educazione al rischio sismico a scuola tra:

- la rete dei Centri di Educazione alla Sostenibilità di Arpae Regione Emilia-Romagna;

- la Rete Interregionale RESISM – un accordo tra Istituti Superiori di 2° per la riduzione del rischio sismico;

- Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile;

Il protocollo nasce dall’idea di diffondere maggiormante nelle Scuole della Regione Emilia-Romagna e non solo, attraverso la Rete dei CEAS,  il concetto di rischio sismico, promuovendo la mostra "Io non tremo", come già da cinque anni sta facendo il CEAS "La Raganella", in collaborazione con RESISM e con l'Associazione mirandolese "Amici del Galilei".  Proprio per la consolidata esperienza mirandolese Sonja Marchesi del CEAS “La Raganella” (scarica qui la presentazione) e Fabio Balboni, docente presso l’Istituto superiore “Galileo Galilei” di Mirandola (MO) e presidente dell’Associazione “Amici del Galilei”, (scarica qui la presentazione) hanno illustrato ai presenti gli obiettivi raggiunti e quelli da raggiungere attraverso la mostra "Io non tremo", presentata, per cinque anni consecutivi, agli studenti delle Scuole Secondarie di 2° in abbinamento a convegni specifici di approfondimento dei vari aspetti affrontati. 

Si tratta di un grande progetto che coniuga, in chiave educativa, prevenzione, sicurezza e sostenibilità.

Ci auguriamo che le Scuole possano aprirsi di più a queste nuove tematiche educative: sapere poco dei terremoti e di come sia possibile viverli con più sicurezza....è un grande rischio che non possiamo più permetterci di correre!!! Inoltre la nostra esperienza vissuta potrà aiutare tanti altri.

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)