Arcobaleno in Città e Puliamo il Mondo: un po' di numeri.

Domenica 14 Settembre a Mirandola è stata inaugurata la Campagna Regionale "Puliamo il Mondo 2014" di Legambiente con l'iniziativa "L'Arcobaleno in Città" promossa da Comune di Mirandola, CEAS "La Raganella" in collaborazione con Aimag, GEV, GEL, i volontari de "La nostra Mirandola" e con la supervisione di Legambiente Regione Emilia Romagna. Nel ringraziare tutti per l'attività svolta, la disponibilità ed i buoni risultati ottenuti a suggellare la bella giornata di sensibilizzazione ambientale, inviamo alcuni dati:

• Cento sacchi di rifiuti raccolti;

• Trecentocinquanta volontari dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII provenienti da tutta Italia;

• Venti famiglie di Mirandola;

• Trenta volontari tra GEV, GEL e "La nostra Mirandola";

• Tanto colore ed allegria lungo le strade del Centro Storico e dei Parchi di Mirandola;

• Molti complimenti ricevuti dai passanti;

• Un ottimo rinfresco conclusivo;

• Mirandola più pulita e più vivibile;

• Presenti gli operatori della RAI che hanno documentato la giornata, le riprese saranno visibili nello speciale "Ambiente Italia" di RAI3, Domenica 28 Settembre dalle 9.00 alle 11.30.IMGP2900.JPG

A dimostrazione che un piccolo gesto fatto da molti può cambiare la nostra città e quindi anche il mondo:

Grazie a tutti!

Vi informiamo che le foto realizzate dai fotografi Gino Bertuzzi e Antonio Buoli del "Circolo Fotografico Mirandolese", sono state pubblicate sul sito http://www.unioneareanord.mo.it/servizi/centro-educazione-ambientale/eventi-ceas-la-raganella/arcobalenoincittaMirandola.jpg e che il servizio del Tg Regionale già andato in onda è visibile al seguente link (dal minuto 12.00) http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f4cdcaa1-8cf1-4036-8b8a-7cb6ef51a137-tgr.html#p=0.

Al seguente link, la pubblicazione de L'Indicatore.

Logo La Raganella

Via Giolitti, 22 - 41037 Mirandola

Contatti
Tel. 0535 29724 - Indirizzo e-mail

 

 

La realizzazione dell'area dedicata del CEAS è stata possibile grazie al contributo della Regione Emilia Romagna  (DGR 1796/2012)